La settimana della moda e delle polemiche

Casual, Fashion, Vintage
27 February 2012 | 568
Share this post

Passerelle, uno stile che incanta, mille appuntamenti esclusivi. E l'inevitabile strascico di polemiche. Procede secondo le previsioni la settimana che Milano dedica alla Moda Donna. Partiamo dalle tradizionali proteste degli animalisti: bersaglio quest'anno è stata Byblos, che si è vista invadere la passerella dagli attivisti per i diritti degli animali, contrari agli abiti di pelle e pelliccia. Protesta anche da parte delle attiviste anti anoressia, che hanno alzato la voce contro il sistema moda che “offende le donne di tutto il mondo nel nome del business e del profitto”.

Ma è bagarre anche tra gli stilisti. Roberto Cavalli attacca Gucci, con una pesante accusa di plagio indirizzata all'art director Frida Giannini. E contro Gucci va giù pesante anche Giorgio Armani, che mette nel calderone anche Prada: i due marchi, secondo “Re” Giorgio, fanno belle borse, ma non vera moda!
In passerella, intanto, continuano le anticipazioni sul prossimo Autunno-Inverno. Una donna che, dopo l'exploit dei primi giorni, tra trasparenze e apparati vistosi, torna ad essere semplice e minimal con le collezioni di Armani, Byblos e Jil Sander, mentre il “Pop” Frankie Morello disegna una donna borchiata, aggressiva, piena di grinta. Donna siciliana, vestita di ricami e accessori, invece, per Dolce&Gabbana, che ricevono l'applauso a bordo passerella dalla madrina di sempre, Monica Bellucci.



Inserisci un tuo commento